Shattered Tower: intervista con gli autori

Un paio di mesi fa, ho ricevuto un invito a mettere mi piace a una pagina facebook dedicata a un nuovo gdr fantasy italiano Shattered Tower che mi ha colpito per le belle illustrazioni e per l’ambientazione. Siccome stava per iniziare il kickstarter, ho contattato gli autori per avere maggiori informazioni.
La prima domanda classica e un po’ scontata 🙂 è dedicata a scoprire chi sono gli autori di Shattered Tower.
Parlateci un po’ di voi… Chi siete e quali sono le vostre esperienze da giocatori di ruolo.

Chi siamo.. dunque, al cuore del team di Shattered Tower ci sono tre amici di lunga data, tre compagni di ventura che nel GDR ne han viste di cotte e di crude, e ne sono incredibilmente usciti vivi (chi più chi meno! LOL). La scintilla che ha dato vita a quello che fu l’embrione del gioco che si è evoluto in Shattered Tower, l’ha accesa “Il Master”, la mente, il fondatore, il creatore principale dell’intero gioco: Andre (Andrea Macchi ndr) che, nonostante la freschezza anagrafica, vanta già non pochi anni di esperienza nel modo dei gdr e dei fumetti, non solo come collezionista e fruitore vorace e accanito, ma soprattutto come grafico, illustratore e direttore artistico per vari progetti – principalmente per No Lands Comics. 
Shattered Tower: intervista con gli autori 2Io mi chiamo Max Castellani – nominato ad honorem “Cantastorie e Bardo” del party. Non solo perché nella vita reale faccio un po’ il musicista, un po’ il blogger e un po’ perché ho mal-frequentato filosofia all’università, ma perché qui mi occupo sostanzialmente di creare i contenuti narrativi (sia in italiano sia in inglese) per il gioco e per i romanzi brevi che lo accompagneranno.

Il terzo tassello del puzzle principale è incarnato da Federico Brivio, meglio noto come “Il Burocrate Coboldo”, forte delle sue più e più lauree in giurisprudenza (o almeno una!) è fondamentale e necessario per tutti i processi, burocratici appunto, che stanno dietro alla creazione, pubblicazione e commercializzazione di un gioco per il pubblico. 

Ma non è tutto ovviamente, tutti e tre, insieme, mettiamo ognuno la propria immaginazione, le proprie competenze e incondizionata passione al servizio dei processi creativi e di design di ambientazione, regole, creature e personaggi, cercando un costante confronto d’idee alla pari (o almeno così Andre ci fa credere!).

Al team originale si è aggregato Emanuele Somma, “Esploratore e Guardavia” Role Player d’esperienza, fondamentale nel brainstorming (per avere un parere esterno e sensibilmente distaccato quando noi tre tiriamo fuori qualche nuovo spunto) quanto nell’impagabile lavoro sul campo, quello sudato, quello sporco, quello dove non devi aver paura di farti del male e affrontare l’oscurità… si, stiamo parlando naturalmente del mondo delle fiere e dei playtest – LOL – dove la sua presenza come Game Master ci aiuta nel gestire il flusso di giocatori.

Passiamo ora a Shattered Tower. So che è un gdr fantasy ma in pratica non so altro. Che cos’è e di cosa parla?

Shattered Tower è ambientato in un mondo vasto ed estremamente ostile, che è risorto dalle ceneri di una guerra tra il mondo stesso ed una civiltà antica e avanzata, distrutta, caduta in rovina, e in gran parte oggi dimenticata. I giocatori viaggeranno attraverso un ambiente fortemente dominato dalla natura, governato dai Dra-Idjia, creature mistiche e potenti che tengono sotto controllo e governano la vasta progenie sopravvissuta a quegli antichi colonizzatori chiamati REMOTI, caduti assieme alla loro “torre” (da qui “Shattered Tower”, ndr) nella guerra di oramai diversi secoli prima, e che vive ancora sul pianeta. I giocatori saranno parte dell’Avanguardia, un’organizzazione composta dalle poche persone delle rispettive razze in grado di aggirare lo stretto controllo delle sentinelle del loro territorio e visitare il mondo esterno, con lo scopo di scoprire cosa ci fosse una volta là fuori ..e cosa ci può ancora essere…

Il ruolo del giocatore è quello di interpretare un pioniere, un esploratore, un avventuriero, cercando di calarsi nella parte di un personaggio che ha trovato la propria casa nella Gilda dell’AVANGUARDIA. Un personaggio che disposto a rischiare la propria vita lontano dalle fragili – ma all’apparenza sicure – terre civilizzate, combattendo con la morte, la paura e l’ignoto per potersi guadagnare il rispetto dei compagni e dei popoli tramite le proprie imprese e scoperte. Shattered Tower: intervista con gli autori 4

Quindi se ho capito bene, Shattered Tower è un fantasy post apocalittico. Questo m’interessa molto perchè è un genere che mi piace. Chi sono i Dra-Idjia? Cosa si sa di loro?

Potrebbe interessarti:  Sei manuali in cerca di master: Darkmoor

Dra-Idjia, Draghi, Driadi, Streghe delle Selve, vengono chiamate in molti modi. Ogni popolo ne ha un’immagine e un’opinione diversa in base alla propria storia e cultura – c’è chi ritiene siano divinità benevole, chi le vede come tiranni da combattere, chi vi si accorda “politicamente”, e chi invece non le comprende affatto – ma quel che è certo è che tutti sanno che sono le creature più potenti e pericolose presenti su Tintyr. 
Quel che noi giocatori possiamo sapere da background d’ambientazione è che queste entità s’imposero agli uomini secoli fa – in seguito alla guerra cui accennavamo poc’anzi – assumendo il ruolo di guardiani del mondo naturale e impedendo ai sopravvissuti della civiltà aliena invaditrice di diffondersi senza controllo, ma anzi dividendola e facendo sì che, con il passare delle ere, le popolazioni venutesi a formare abbiano perso quasi completamente la consapevolezza le une delle altre.

Quello che pochi sanno è che le driadi sono in qualche modo interconnesse tra loro e condividono la stessa origine, si, ma si sono ad oggi sviluppate ed evolute come entità individuali, ognuna con i suoi obiettivi, ognuna con i suoi metodi, ognuna con la sua visione a riguardo del proprio compito. 

Le driadi come signore del mondo è molto interessante come idea. Siccome ognuna delle Driadi ha obiettivi e metodi differenti, presumo quindi che nel manuale di Shattered Tower saranno presentate alcune di loro?

All’interno del manuale ci saranno più parti dedicate alle Driadi, ai loro scopi, a cosa rappresentano per il mondo, a come relazionarsi con loro e infine – naturalmente – anche a come combatterle.

Di base esiste una stirpe di driadi per ogni civiltà che si è sviluppata nel mondo.
Questo perché gli eventi, i diversi habitat, ma soprattutto Il contatto e l’interazione con la civiltà assoggettata, hanno influenzato la storia e lo sviluppo – nel bene o nel male – di ogni stirpe. Quello che possiamo svelare in anteprima è che, sicuramente, sarà presente nel manuale un particolare Dra-Idjia noto con il nome di Driade Oscura (img)

Passiamo all’avanguardia invece. Chi sono? Cosa fanno di preciso? Quali tipi di avventure si devono aspettare i giocatori?

L’Avanguardia è uno dei motori del gioco, il principale – se vogliamo.
Si tratta di una Gilda, di un’organizzazione cresciuta in seno ad una delle civiltà più sviluppate tra le 6 presenti nel manuale base, la civiltà Vargan.Shattered Tower: intervista con gli autori 5
Facciamo un piccolo passo indietro, così da poter meglio comprendere quanto segue.

Come dicevamo, le 6 razze, appartengono in realtà, alla medesima specie di partenza. 
A livello genetico quindi condividono lo stesso corredo, almeno sulla carta.
Pur chiamandoli per comodità umani, la specie di cui parliamo nel gioco non è umana,umanoide si, biologicamente riconducibile a quella umana, si. ma non dobbiamo pensare a loro come umani.
Una particolarità della razza aliena che tentò di colonizzare Tintyr è quella della straordinaria capacità di adattamento e un metabolismo-evolutivo particolarmente veloce. per questo ad oggi (in termini di ambientazione, ndr) le razze possiedono capacità ed attitudini così differenti tra loro.
Oltre a questo, nel periodo recente (sempre in termini di ambientazione, ndr) tra tutte le popolazioni sono cominciati a comparire individui in grado di essere percepiti dal mondo e dalle sue sentinelle come elementi naturali. Non divengono quindi di default target delle driadi e riescono a eluderne la normale capacità di percezione. Questo permette a questi individui -nominati SKUM – e a nessun altro, di varcare i limiti dei territori imposti dai Dra-Idjia, e visitare il mondo.
 
La digressione non è stata breve, né indolore scommetto, ma ritengo che possa essere molto utile a dare un senso a quanto spiegherò adesso.
I Vargan hanno deciso di accogliere gli SKUM e di organizzarli, così da formare una vera e propria Gilda esplorativa che si occupi di: 

  • Ripristinare i contatti tra le civiltà
  • Scoprire quanto più possibile sul mondo che li circonda e tiene prigionieri, così da poter  comprendere l’operato e gli scopi delle Driadi
  • Reperire quanti più relitti e reperti tecnologici dei REMOTI, così da conoscere forse un giorno le proprie origini. 
  • Liberare le popolazioni dal giogo e dall’oppressione dei Dra-Idjia
  • Etc etc

Sebbene all’apparenza possa sembrare che abbiano intenti nobili, la realtà dietro all’Avanguardia è ben diversa, nessuno conosce i veri obbiettivi che potrebbero rimanere celati dalla propaganda umanistica.
Ciò che è evidente è che sono mossi dal pragmatismo e, coloro che non si dimostrano utili, vengono scartati con poco riguardo. L’equipaggiamento, raro per ovvi motivi, ha spesso più valore della vita di uno Skum. Come dicevamo, comunque, alla base dell’Avanguardia c’è la raccolta di informazioni. Raccogliere reperti, studiare il territorio e la sua flora e fauna, catalogazione e cartografia. Queste sono le basi, le missioni per le reclute che vengono poi pagate sulla base di quello che hanno raccolto durante le loro missioni. Shattered Tower: intervista con gli autori 3

Più una squadra di esploratori sale di grado nell’organizzazione, più complesse saranno le missioni disponibili, e migliore sarà l’equipaggiamento affidato dall’Avanguardia per affrontarlo. Esplorare rovine dei Remoti e recuperane la tecnologia, fondare un nuovo avamposto, occuparsi di creature pericolose o squadre di disertori… Queste sono tutte missioni per chi ha dimostrato il suo valore all’interno dell’organizzazione. Con il salire del livello della squadra, si potrebbe anche venire messi a parte d’importanti rivelazioni.

Quello che è importante capire è che il gioco è AVVENTUROSO, ha i mostri, i combattimenti, le prove da superare ecc ecc ma la COMPONENTE INTERPRETATIVA è l’unica in grado di portare il gioco là dove noi creatori l’abbiamo immaginato.
Se ci si limita a giocare approcciando il role-play in maniera superficiale, ci si potrà divertire comunque, dando vita ad avventure comunque degne di tal nome, ma sarà l’interpretazione del pionierismo, dell’esplorazione, della paura dell’ignoto, della sete di scoperta che aiuteranno il giocatore a servirsi di tutte le particolarità che abbiamo pensato per differenziare sensibilmente il gioco, da tanti altri GDR d’avventura.

Chiaramente nel manuale tutto ciò sarà più dettagliatamente espresso e vi saranno regole e incipit studiati ad hoc per condurre il player sulla retta via.

Passiamo ora alle regole. Che sistema usa Shattered Tower? Che tipo di pg si potranno giocare? Quali saranno i loro poteri più particolari? Qual’è il punto di forza del regolamento?  

Tanti ci stanno chiedendo cosa abbia il nostro sistema di INNOVATIVO. 
“Innovativo”. È una parola grossa, una parola che scotta, scotta assai!
Non ambiamo certo alla rivoluzione del sistema ludico-ruolistico, ma – detto questo – abbiamo creato un sistema particolare e inedito. Questo si! 

Brevemente, a una classica lista di abilità (dove compare per esempio anche COMBATTERE, che ci servirà per attacchi in mischia, a distanza, a mani nude, così come per prove di lotta ed alcune altre prove fisiche) abbiamo affiancato meccaniche dei gdr narrativi moderni, creando un sistema di fatto unico e funzionale all’ambientazione. Shattered Tower: intervista con gli autori 6

In sostanza, ogni personaggio ha un punteggio abilità (da 1 a 6) determinato in fase di build della scheda. Tale punteggio definisce il numero di dadi che il pg deve tirare per superare la prova ed un successo si ottiene solo con un risultato di 5 o 6. 

Abbiamo però inserto poi un concetto che è la Difficoltà Relativa. Dove un un pg può essere in difficoltà con una prova di media difficoltà, un altro più capace, si troverà a superare la sfida senza battere ciglio. Questo è rappresentato da una meccanica che ti permette di riuscire automaticamente in una prova con una Difficoltà inferiore al punteggio-skill del tuo pg, e che invece va a toglierti dadi da tirare, se è più alta.

Non ci sono inoltre “classi” e ogni personaggio può essere caratterizzato in moltissimi modi. La civiltà di origine offre un background di partenza e una capacità unica, ovvero la peculiarità che ha permesso al popolo di evolversi e sopravvivere. Ci sono i FIGLI DEL TUONO, per esempio, che sono sopravvissuti tramite il saccheggio e il riutilizzo della tecnologia degli antichi, riadattandola per i loro bisogni, mentre le CHIMERE sono in grado di assumere aspetti ferali mutando rapidamente il proprio corpo per replicare caratteristiche fisiche di bestie e mostri che hanno sconfitto.

Oltre al singolo personaggio abbiamo voluto concentrarci sulle meccaniche di squadra, e infatti abbiamo creato una vera e propria SCHEDA DI GRUPPO, con punti da spendere per crearne la storia, bonus derivanti dal grado all’interno dell’Avanguardia e tanto altro. Inoltre servirà a tenere conto di ciò che viene scoperto dal gruppo, delle risorse e dei contatti che guadagneranno. Shattered Tower: intervista con gli autori 1

In definitiva è semplice ma profondo.

Ringraziamo gli autori di Shattered Tower per il tempo concesso e se siete interessati vi ricordo che c’è in questo momento il kickstarter del manuale base.

Potrebbe interessarti:  Shintiara; intervista con l'autore

Ti è piaciuto l'articolo?
Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter !