Dammi un pò di zucchero Gattosulfuoco (anteprima di Heavy Sugar)

Questa Lucca batterà il record di uscite fra i gdr con più di 60 uscite fra cui 25 gdr nuovi. Fra questi, uno dei più originali a livello di ambientazione è Heavy Sugar, wait for the light, un gdr teslapunk, creato dagli autori di Nameless Land, utilizzando un nuovo regolamento. Gli autori si sono offerti di presentare Heavy Sugar in modo che possiate farvi un opinione. Iniziamo però prima di dare la voce agli autori dal trailer perchè un gdr che si rifà a livello estetico ai ruggenti anni 20 non può non avere un trailer 🙂

Buonasera a voi lettori! È con orgoglio che quest’oggi, grazie al buon Gatto sul fuoco, noi di Eleven Aces vi presentiamo il nostro nuovo Gioco di Ruolo cartaceo, in uscita a Lucca Comics & Games 2018… Heavy Sugar!

La prima domanda che può sorgere spontanea leggendo il titolo di presentazione è: cos’è un teslapunk? Ebbene, fingete di trovarvi in una metropoli americana degli anni ruggenti. Ci troviamo nel decennio che va dal 1920 al 1929: la Grande Guerra è da poco finita, trascinando con sé un vento di ottimismo e una forte volontà di guardare al progresso. Nelle strade della città, questo nuovo entusiasmo si tramuta in una vera e propria gioia di vivere… di spassarsela, per così dire. Pensate ai club notturni, al jazz, ai locali dalle insegne accecanti. Immaginate le flapper, affascinanti donne dai capelli corti che ballano a ritmo di charleston. Oppure i gangster, eleganti criminali che traevano forza e risorse dal gioco d’azzardo e dal contrabbando di liquore reso illegale dal proibizionismo.

Ora, immaginate tutto ciò controllato dall’energia elettrica…

Ci troviamo a Balhan City, la prima metropoli mondiale ad aver non solo basato la propria idea di progresso sull’energia elettrica, ma ad esserne diventata schiava. La EdiSons Company ha rivoluzionato sotto ogni aspetto il modo di vivere dei suoi cittadini, infondendo di elettricità qualsiasi cosa sulla quale potesse mettere le mani: automobili, case, sicurezza, servizi, denaro e persino cittadini. Tutto in questa città si muove e respira grazie a un’energia ormai arrivata a permeare l’aria stessa.

Dammi un pò di zucchero Gattosulfuoco (anteprima di Heavy Sugar) 2Centinaia di cavi arrivano a oscurare il cielo, mentre bizzarri esseri chiamati right hand si spostano a passo di marcia fingendosi vostri vicini e amici trapassati. Avete capito bene. Vi ricordate quando ho detto che l’elettricità sostituisce persino i cittadini? Quando qualcuno muore a Balhan City, spesso a causa dei malanni che circolano per le strade, la EdiSons lo sostituisce con un right hand, automi alti più di tre metri che rimpiazzano totalmente il defunto… beh, o il suo lavoro. I right hand non amano, i right hand non provano affetto né tantomeno pietà. Sono i figli della EdiSons Company e come tali, superiori a ogni altro semplice cittadino.

Ma Balhan City non mira a un futuro migliore o alla felicità dei propri cittadini: ella desidera consumare questi ultimi come batterie, sacrificabili per saziare la sua costante fame di energia elettrica.

Ma ehi, se tralasciamo le losche trame delle società governanti, non è poi così male la vita da queste parti. Perché? Semplice: la Edisons ha trovato il modo di offrire una gogna più confortevole ai cittadini di Balhan City, dando loro modo di controllare l’energia elettrica tramite una semplice strizzata d’occhio… il blink.

Dammi un pò di zucchero Gattosulfuoco (anteprima di Heavy Sugar) 1Grazie a questo semplice comando e tramite i brighat, speciali cappelli colmi di componenti elettriche che tramutano le onde alfa e beta del cervello in messaggi assorbibili dagli apparati elettrici, i cittadini di Balhan City possono letteralmente impartire ordini a ciò che li circonda. Come? Semplicemente pensando e strizzando l’occhio!

Vedete? Non c’è niente che vada storto: gli abitanti sorridono, consapevoli o meno di essere intrappolati in un’utopia volta a consumarli fino a tramutarli in right hand.

Lavorare per la propria città. Spendere per la propria città. Morire per la propria città.

Nonostante una felicità iniettata forzatamente in queste strade, c’è tuttavia chi ha deciso di ribellarsi all’opprimente controllo di Balhan City e di abbattere i pilastri di quello che non è altro che un recinto per il bestiame in attesa del macello. Parlo di voi, dei mutinear.

In veste di sovversivi, i personaggi scenderanno fra le strade di questa metropoli sfrigolante, interpretando il ruolo del suo più grande anatema. Suddivisi i dieci gang, ciascuna con i loro obiettivi e i loro propositi, i mutinear devono combattere da soli contro le corporazioni di Balhan City, le sue forze di polizia rinforzate da decine di right hand armati, i suoi impianti di sicurezza disseminati a ogni angolo e ovviamente i suoi cittadini, capaci di strappare la gola a morsi a chiunque miri a danneggiare il loro paradiso imperfetto.

Dammi un pò di zucchero Gattosulfuoco (anteprima di Heavy Sugar) 3E dalla loro parte cos’hanno? Beh… tutto. A causa di una mutazione dei loro meccanismi cerebrali, i mutinear non sono vincolati dalle limitazioni del normale blink, potendo arrivare a piegare l’energia elettrica della città al loro volere. Ogni cosa che li circonda può diventare un’arma, sia questa un elettrodomestico, un autobus o persino un right hand. Le strade sono nelle loro mani, ma questa farà di tutto per soffocarli sotto il suo asfalto elettrificato.

Attraversate dunque i cinque distretti di Balhan City, dalla lercia zona industriale di Mercy Point, casa di criminali e senzatetto derubati dalla linfa vitelettrica, fino ad elevare il vostro status dinnanzi alle porte di Upper Stain, dove i quartieri pullulano di locali notturni e di sicari in completo gessato. Prendete dunque la vostra parte nella guerra a Balhan City: scegliete il vostro mutinear e scatenatele contro tutto il vostro odio sottoforma di devastanti fulmini. Piegatela al vostro volere e fatela inchinare davanti a vostri piedi, prima di darle il colpo di grazia.

Cosa trovo nel manuale di Heavy Sugar?

Beh… Tutto (tutto l’occorrente per iniziare le vostre partite almeno)!

  • Un fitto background caratterizzato da attività, club, luoghi di interesse e personaggi che li animano, compresa naturalmente la storia di Balhan City. Una cura maniacale nei dettagli di questa ambientazione vi porterà a immergervi completamente nell’era degli anni ruggenti, persino se non ne avete mai sentito parlare;
  • Un regolamento semplice e minuziosamente spiegato, che vi porterà a creare il vostro personaggio in una manciata di minuti (beh non li ho mai contati, ma ci vuole davvero poco!), dandovi modo di avventurarvi subito fra le strade della città;
  • Le regole e la storia che caratterizzano le dieci bande di mutinear, miranti ad abbattere l’utopia di Balhan City. Scegliete la vostra fazione e… strizzate l’occhio;
  • Tutti i modi possibili di sfruttare il vostro potere di controllo sull’elettricità e di farlo evolvere, attingendo alle dieci Doti del Blink, poteri così distruttivi e rari da essere quasi considerati divini;
  • Equipaggiamento, vestiti, servizi, fazioni e tutto ciò che può caratterizzare al meglio una metropoli, dandovi ogni singolo tassello per costruire le vostre avventure fra le strade energetiche di Balhan City;
  • E come chicca finale, un intero artbook dedicato allo studio e alla presentazione del mondo di Heavy Sugar, dai cittadini che la abitano alle automobili, fino a diverse tipologie di right hand che potrete ammirare con i vostri occhi… o con uno solo, se l’altro lo state già strizzando.Dammi un pò di zucchero Gattosulfuoco (anteprima di Heavy Sugar) 5

Cosa serve per giocare a Heavy Sugar?

Semplice: un gruppo di amici, la scheda del personaggio che trovate in fondo al manuale, 1 dado a 6 facce e… fiches da gioco. Esatto, come quelle usate nei casinò. Il sistema di Heavy Sugar infatti, prevede una componente di azzardo proprio come al tavolo da gioco!

Per ogni vostro test potrete dunque puntare un numero di fiches a vostro piacimento (fra quelle a disposizione in base a come avrete creato il vostro personaggio) in modo tale da aumentare le vostre chance di vittoria contro le strade della città. Ma se fallirete beh… il piatto vincerà e potrete rimanere a tasche vuote. Fin quando non sarà il tavolo a perdere, restituendovi ciò che vi appartiene.

Il sistema di dadi e fiches permette di infondere una componente strategica in ogni azione, rendendo così eccitante e stimolante persino dare un calcio in pancia al farabutto che vi sta puntando contro una pistola, oppure ordinare a un’automobile parcheggiata di investirlo.

Assieme al manuale, saranno disponibili anche le fiches ufficiali di Heavy Sugar, nonostante sia comunque possibile giocare con qualsiasi altro tipo di segnalino, pur sempre seguendo opportunamente il regolamento generale.Dammi un pò di zucchero Gattosulfuoco (anteprima di Heavy Sugar) 4

Direi che questo è tutto! Spero di aver stuzzicato la vostra fantasia e di vedervi numerosi al nostro stand a Lucca Comics & Games 2018. In questa sede presenteremo inoltre la nuova espansione di Nameless Land, il nostro GdR Post-apocalittico ormai al suo quinto anno di età: Progenie del Tormento, un compendio interamente dedicato alla figura dei razziatori.

Per saperne di più, visitate il nostro sito

Per quanto riguarda Heavy Sugar invece, trovate altre info sul nostro sito e sulla pagina Facebook.

Ti è piaciuto l'articolo?
Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter !

Che cosa ne pensi?