I miei elfi sono differenti? (personalizzare le razze fantasy)

Quando si crea un’ambientazione fantasy una delle sfide più difficili è personalizzare le razze, soprattutto quelle classiche come elfi, nani, etc. Vorresti creare qualcosa di originale per dare un tocco personale alla propria ambientazione ed evitare gli stereotipi come quelli legati agli elfi: l’elfo dei boschi hippy, l’alto elfo altezzoso e il drow sadomaso con i sensi di colpa.

I miei elfi sono differenti 5

Si rischia, però, di creare varianti poco interessanti. In pratica questo:

Giocatore: vorrei giocare un elfo dei boschi ranger.

Master: nella mia ambientazione non ci sono gli elfi dei boschi ma potresti giocare un Adrazzul. Sono alti magri con le orecchie a punta e amano gli alberi.  

Giocatore: sono elfi dei boschi allora….

Master: no, perché i miei Adrazzul hanno la pelle blu e suonano le maracas. 

Giocatore: credo che farò l’umano……….

Inoltre c’è l’ovvio problema del bilanciamento, essendo una creazione personale.

Sulla rete si trovano varie discussioni su come infrangere gli stereotipi sulle razze, creando variazioni spesso interessanti. In Dragon Age gli elfi decaduti e schiavizzati sopravvivono nelle città umane mentre altri elfi, i Dalish, sono nomadi, cercando di preservare la loro cultura. Un secondo metodo è legare gli elfi a specifiche culture molto conosciute e particolari. L’alto elfo avrà una cultura di stile giapponese o cinese mentre l’elfo dei boschi quella dei nativi americani. I miei elfi sono differenti? 1 In quest’articolo però mi concentrerò sull’utilizzare il cliché base, quello Tolkieniano.

Quest’articolo di From the sorcerer skull presenta la sua particolare versione degli elfi, basata sui nonmen dei romanzi di R Scott Bakker. Le varie razze degli elfi non sono razze distinte ma semplicemente differenti stadi della vita millenaria di un elfo. In questo modo ha personalizzato gli elfi mantenendo però i clichè delle varie razze e offrendo spunti su come ruolare un personaggio che vive secoli

I miei elfi sono differenti?l’adolescenza e la giovane età 

Un elfo appena uscito dall’adolescenza cercherà la ribellione insieme con altri coetanei per sperimentare una vita semplice ed eccitante in mezzo alla natura, di solito boschi da cui il nome. L’uso di droghe abbinato alla loro naturale capacità di meditare li porterà a una visione religiosa di tipo sciamanica. I giovani elfi saranno affascinati dalle altre razze e culture per cui saranno molto aperti nei loro confronti.

Potrebbe interessarti:  Ma quante belle notizie, madama Dorè

Questa fase dura all’incirca un centinaio di anni terminando quando i giovani elfi cominceranno a veder morire gli amici ed amanti delle razze meno longeve. Il dolore renderà la vita insopportabile: alcuni si getteranno in imprese e battaglie sempre più avventate (wardancer?) mentre gli altri torneranno nelle città elfiche che avevano abbandonato giovanissimi.

La maturità

I miei elfi sono differenti 1Il giovane elfo si sottoporrà a un rito di purificazione che estinguerà il loro dolore. Questo rito ha però un pesante prezzo: molti dei loro ricordi con ovvie conseguenze sulle abilità e competenze. In pratica ripartiranno da zero come Alti elfiQuesto è indispensabile perché il cervello elfico non è così differente da quello umano e non può contenere un numero illimitato di ricordi e informazioni. Gli elfi hanno sviluppato una specifica forma di meditazione che sostituisce il sonno e che serve proprio per selezionare i ricordi della giornata da tenere, eliminando il resto. Il loro rapporto con le altre razze sarà differente rispetto alla giovinezza. Molti eviteranno le altre razze mentre altri ricercheranno i discendenti delle persone care e si uniranno a loro, se avventurieri, per proteggerli e guidarli. Consci del dolore del passato saranno più riservati negli affetti, riservatezza che sarà spesso confusa con altezzosità.

La fase come alto elfo durerà svariati secoli e metterà a dura prova la loro sanità mentale. Un alto elfo vedrà imperi nascere e morire, come pure intere generazioni di umani. Questo porterà molti di loro a cercare soddisfazione non nei piaceri materiali ma nell’arte, nella filosofia e nella magia, considerate le uniche discipline realmente degne di essere perseguite. Altri invece svilupperanno un’ossessione per una disciplina marziale come la spada spesso combinandola con la magia e portandola ai massimi livelli. Buona parte degli alti elfi considererà un dovere difendere la propria società e le proprie tradizioni.

Il crepuscolo

I miei elfi sono differenti 4Dopo secoli la noia di una vita millenaria comincerà a fare effetto. Gli alti elfi sopravvissuti avranno due possibili percorsi.

  1. Tramite tecniche di meditazione incredibilmente avanzate elimineranno ogni forma di emozione, diventando esseri di pura ragione e conoscenza, gli elfi grigi. Si dice che il distacco dal mondo materiale sia così totale da donargli una forma d’immortalità, simile alla non morte. Queste però sono solo congetture perché gli elfi grigi raramente usciranno dalle loro città.
  2. Altri invece saranno sopraffatti dalla sofferenza, e cercheranno di rimanere attaccati ai ricordi diventati però sempre più sfuggenti. Gli unici ricordi vividi saranno quelli legati a forti emozioni, e infliggere e ricevere dolore sarà l’unico metodo efficace per evitare l’autodistruzione. Questa corruzione interiore avrà effetto anche a livello fisico e magico in molti di loro. Diventati elfi oscuri svilupperanno un odio feroce nei confronti dei loro confratelli. Riunitosi con altri elfi oscuri nelle profondità della terra useranno ogni metodo per annientare la loro civiltà, autodistruggendosi nel tentativo.
Potrebbe interessarti:  Il buono, il brutto e l'orchetto (il bilanciamento degli scontri)

Note sulle regole e l’interpretazione degli Elfi

Questo impostazione dovrebbe adattarsi alle regole base di D&d5ed, 13th Age e D&D3.x. Forse l’elfo grigio potrebbe richiedere del lavoro però per la sua natura è più adatto a un png che a un Pg. Potrebbe essere interessante sviluppare un sistema di flashback per simulare le loro conoscenze sepolte nella loro mente o per giustificare l’avanzamento dei livelli. In questo caso per un alto elfo o drow il crescere dei livelli non è altro che il ricordare determinate conoscenze già acquisite in passato. Dal punto di vista dell’interpretazione possiamo tranquillamente giocare l’elfo in maniera estremamente classica oppure approfondire questa particolare dinamica millenaria.

Disclaimer: nessun Adrazzul è stato maltrattato nella scrittura di quest’articolo.

Ti è piaciuto l'articolo?
Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter !