Non premiate i giocatori per il gioco di ruolo

Questo è la traduzione di un interessante articolo di Rotten Pulp, uno dei migliori blog old school che ringrazio per avermi dato il permesso per la traduzione. è un articolo provocatorio ma è allo stesso tempo cibo per la mente…..

Nei primi giochi di ruolo non c’era nessun incentivo a interpretare: non c’erano infatti ne vantaggi ne bonus meccanici. Molti “nuovi” gdr hanno provato a correggerlo inserendo meccaniche per premiare il gioco di ruolo, come punti azione, px bonus, o in D&d 5ed i punti ispirazione.1)l’autore dell’articolo fa una distinzione nelle note con quei sistemi che forniscono bonus immediati per qualsiasi ragione e cita gli awesome points of old school hack o i check di Torchebearer. Personalmente segnalerei anche le fan mail di avventure in prima serata oppure i drama points di 7th SeaRitengo che sia una cattiva idea, perché i premi estrinseci distruggono l’intrinseco divertimento del gioco di ruolo.

Il salto di Mario è intrinsecamente divertente. Questo significa che non hai bisogno di essere premiato: l’azione è divertente di per sè. Potresti piazzare Mario in una stanza vuota e saltare fino a 3 volte la tua altezza con un “broing” e sarebbe divertente. Lo è così tanto che abbiamo finito per inserirlo praticamente in quasi tutti i videogiochi usciti. Che tu giochi un robot, un detective o uno scoiattolo, se non puoi premere il tasto del salto e saltare almeno la metà della tua altezza, ti sentiresti come se mancasse qualcosa.

mario

Questo è come il gioco di ruolo. Niente impedisce di giocare l’OD&D come un gioco tattico astratto senza interpretare il personaggio. Interpretare un ruolo è però così intrinsecamente divertente che ognuno di noi lo fa, dando il nome al tipo di gioco.

Ora, immaginiamo che il salto di Mario faccia schifo, limitandosi a fluttuare su e giù con un triste “bworp”. Per compensare, daremo una moneta d’oro a ogni salto. In questo modo, l’abbiamo reso estrinsecamente divertente. Il divertimento ora arriva dal premio ottenuto per l’azione e non per il divertimento del salto in sé. Non stai più saltando per la gioia di farlo ma lo fai per il premio. Quando dai px extra o punti azione per una buona interpretazione, stai cercando di motivare con un premio estrinseco.

xlarge

Ho un’intrinseca antipatia per i premi estrinseci. Il gioco dovrebbe essere per sua natura divertente: non devi convincermi a giocarci regalandomi caramelline. Non ho bisogno di giocare per avere l’esperienza di completare un attività noiosa per un premio, lo faccio già nella vita reale. Chi gioca ai videogiochi, noterà che c’è ne sono tantissimi così. I premi esterni sono cosi potenti da dare il successo a pessimi giochi come Cow Clicker.

Sicuramente starete pensando: ma se rendiamo il salto di Mario divertente e eccitante e in più gli forniamo una moneta d’oro ogni volta che lo fa? Questo è il ragionamento su cui si basa il dare ai giocatori punti esperienza quando interpretano. Divertimento intrinseco ed estrinseco: se li combiniamo, non rendiamo il gioco più divertente, giusto?

Bene, la ricerca ha scoperto che non è proprio così. Citando questa ricerca “…expected tangible rewards made contingent upon doing, completing, or excelling at an interesting activity undermine intrinsic motivation for that activity.” Dare un premio estrinseco distrugge il divertimento intrinseco. Quando vieni premiato per qualcosa che ti piace, perdi interesse nell’attività in se. Smetti di saltare per divertimento e inizi a farlo per il premio.

è interessante anche questa ricerca sugli effetti delle motivazioni estrinseche sui bambini. Se prendi un gioco che piace ai bambini, li premiamo e poi togliamo il premio, smetteranno di giocare. I premi esterni sono così potenti da spingere i bambini a non apprezzare più un gioco che prima trovavano divertente. Genitori prendete nota…

Io non credo che i premi estrinseci siano il male. Molti di noi danno px per le avventure e pure Mario ti da punti per saltare sui Goomba. La differenza è che queste meccaniche servono a dare il senso della progressione, mentre premiare i giocatori per l’interpretazione serve a modificarne il comportamento.

In D&D parti come un avventuriero smilzo che uccide i topi e finisci come un un re che uccide i draghi. Nel richiamo di Cthulhu inizi come una persona sana, ben messa e benestante e finisci come un clochard impazzito. Sono giochi che si muovono in direzioni opposte ma entrambe le meccaniche non servono a premiarti ma a fare in modo che ciò che farai domani sia differente da quello che stai giocando ora. Non esistono per spingere i giocatori a fare azioni differenti da quelli che avrebbero fatto comunque. Certamente si potrebbe indebolire l’intrinseco divertimento dell’avventura se li riempi in continuazione di premi e tesori ma non è un problema intrinseco dei px.

Level1 Level20-(1)

Se ci pensiamo, i premi per l’interpretazione sono una tecnica per alterare il modo con cui i giocatori giocano e sono utilizzati infatti per spingerli a interpretare di più. È un condizionamento del comportamento, una skinner box costruita per spingere i tuoi amici a comportarsi come desideri. Non dovresti averne bisogno. Se hai un giocatore timido che non interpreta, perché utilizzare un sistema di premi passivo-aggressivo per punirli? Se non ti piace il modo con cui interpretano perché non parlarci? I premi estrinseci li spingeranno a considerare l’interpretazione come un obbligo.

attachment-psya1-inc-bowlby-and-ainsworth-4-728

Un aspetto interessante della prima ricerca è che i premi verbali potenziano le motivazioni intrinseche. Ridi delle battute dei tuoi giocatori? Dici:”bella idea” quando trovano una soluzione creativa e intelligente? Dici “questa è stata una giocata meravigliosa” quando fanno una bella interpretazione? Congratulazioni, stai premiando esternamente la loro interpretazione nel miglior modo possibile.2)l’autore nota che per i ricercatori anche il feedback verbale ha aspetti negativi ma comunque inferiori a un sistema oggettivoNon hai bisogno di fornire punti immaginari per cercare di controllare la loro interpretazione. Il gioco di ruolo è una delle attività più divertenti che puoi fare al tavolo. Se i tuoi giocatori non vogliono farlo per una qualsiasi ragione, credo che l’ultima cosa da fare sia aggiungere un sistema di premi estrinseci.

L’articolo è chiaramente una mia opinione e se non siete d’accordo, commentate.

Ti è piaciuto l'articolo?
Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter !

Note    [ + ]

1.l’autore dell’articolo fa una distinzione nelle note con quei sistemi che forniscono bonus immediati per qualsiasi ragione e cita gli awesome points of old school hack o i check di Torchebearer. Personalmente segnalerei anche le fan mail di avventure in prima serata oppure i drama points di 7th Sea
2.l’autore nota che per i ricercatori anche il feedback verbale ha aspetti negativi ma comunque inferiori a un sistema oggettivo