Mi capita spesso di essere contattato da vari editori per presentarmi le loro prossime uscite nel campo dei gdr. Nei limiti del possibile, ne dò notizia perchè credo che possano essere utili ai miei lettori. In questo caso, mi ha colpito tantissimo la grafica molto particolare. Perciò ho pubblicato la presentazione di Rotten Core. il nuovo manuale dagli autori di Musha Shugyo, inviatomi dagli editori. Tra l’altro il manuale nella versione in pdf sarà in pay what you want per cui potrete pagare quello che volete anche zero, vedere se vi piace ed eventualmente contribuire dopo…

Rotten Core è un GDR ispirato al picchiaduro by Aiduzzi Team in sviluppo, per il quale era anche stata lanciata una campagna di raccolta fondi su IndieGoGo intralciata da alcuni problemi tecnici relativi al motore del gioco (MUGEN).

Rotten Core è un GDR sporco, ruvido e folle, in cui i Personaggi sono individui marci che si muovono in un mondo marcio, diventando ancora più marci. Ciò che li spinge è la mera ricerca del potere e il desiderio di assecondare i più bassi e folli istinti. Si potrà giocare come uno dei Marciti, individui contaminati dal Loboecarixtus, un organo misterioso in grado di conferire super poteri grotteschi, o come un membro delle varie società segrete alla ricerca del mistero che si nasconde dietro questo strano organo! Società segrete, gente mediocre trasformata in mostri assetati di sangue, misteri e intrighi planetari, un tono sempre in bilico tra il grottesco e l’idiozia più estrema… e un’insana dose di violenza ingiustificata.

 

Un piccolo uomo insignificante, dalla vita insulsa, torna a casa tardi da lavoro. È sera, i vicoli della città sono silenziosi. Un rumore violento lo attira. Spaventato si avvicina e trova due uomini, apparentemente morti; una piccola scatola vicino ai corpi. Riluttante, smentendo la sua natura codarda, raccoglie la scatola, la apre e vi trova celato, con gran stupore, un organo umano, strano, irriconoscibile. A dispetto di ogni logica, mosso da un impulso bizzarro e incontrollabile, lo mangia: da quel giorno la sua vita miserabile non sarà più la stessa, perchè lui non sarà più lo stesso miserabile.

L’organo assomiglia a un cuore, ma con alcune protuberanze che fanno pensare a piccole goffe teste di serpente. Chi ne divora una acquisisce particolari caratteristiche in opposizione alla propria condizione fisica e caratteriale; dunque un debole, mite e vile individuo è la materia ideale da cui si svilupperà un essere amorale, violento, edonista e potente: Ubu, il nostro protagonista in lotta col mondo per il solo gusto di farlo.Questo rivoltante organo è chiamato loboeucarixtus.

Ti è piaciuto l'articolo?
Seguici su Facebook!

Seguici su Twitter !

Che cosa ne pensi?