Degenesis, la recensione (la Germania alla conquista del gdr?)

Disclaimer: la Sixmorevodka mi ha gentilmente fornito per questa recensione il pdf dei manuali. È mia abitudine provare un gioco prima di recensirlo, ma non ne ho avuto la possibilità per cui sarà basata esclusivamente sulla lettura dei manuali. In corsivo, troverete la mia opinione personale sui vari aspetti del gioco.

Degenesis: Rebirth Edition è un gdr post apocalittico tedesco di grande successo, che sta uscendo in inglese con un lancio pubblicitario in grande stile con tanto di trailer cinematografici.

Impostazione e grafica

I manuali base sono due, venduti insieme, uno dedicato all’ambientazione mentre l’altro alle regole. Ogni manuale ha un’impaginazione a due colonne a sfondo chiaro, arricchito da numerose illustrazioni. Alcune immagini sono esplicite e perciò adatte a un pubblico adulto. Ogni inizio capitolo è a sfondo nero con un’illustrazione che occupa quasi tutta la pagina. Ci sono numerosi box laterali che approfondiscono determinati aspetti del gioco.

Graficamente Degenesis è un capolavoro con illustrazioni semplicemente spettacolari. Anche se non interessasse il gioco in se, varrebbe la pena solo come art book. Il manuale è chiaro anche se lo stile di scrittura dell’ambientazione è un pò ampolloso. La presentazione delle regole è abbastanza classica e relativamente scorrevole e non ho avuto mai grosse difficoltà a trovare quello che mi serviva. Non posso giudicare la qualità della carta o della rilegatura perché ho il pdf 🙂 Edit: ora ho la versione cartonata e posso confermare l’altissima qualità della carta e della rilegatura. Per quanto riguarda le illustrazioni sono meravigliose….

Ambientazione (primo libro primal punk)

La Terra nel 2073 è stata devastata da uno sciame di meteore, che hanno portato con se il misterioso primer, una sostanza che ha iniziato a mutare le creature, compreso gli umani. Dopo 500 anni, la terra è quasi irriconoscibile, per lo più inabitabile e colpita da una nuova era glaciale. L’unica zona “vivibile” è quella intorno al Mediterraneo, dove l’umanità sta cercando di riorganizzarsi.

Die-Kulturen-der-einzelnen-Regionen-unterscheiden-sich

Ci sono sette culture che rappresentano le zone di provenienza:

  1. Africa
  2. Balkhan: la zona dei balcani
  3. Borca: Germania
  4. Franka: la Francia
  5. Hybrispania: la penisola iberica
  6. Pollen: i polacchi
  7. Purgare: noi italianiDegenesis la recensione 30

Ogni cultura ha un capitolo, che ne descrive in linea generale le caratteristiche geografiche e culturali. Da notare che Africa è la nuova potenza rampante in un interessante rovesciamento dei ruoli. Oltre alle culture, ci sono i culti, anch’essi con capitoli dedicati, ognuna con specifiche abilità, credo, equipaggiamento oltre ad alcuni png e i ranghi della gerarchia del clan.

I clan sono:

  1. Gli anabattisti, un culto religioso di guerrieri
  2. Gli anubiani, mistici legati ad antiche profezie.
  3. Gli apocalittici, legati al desiderio e alla lussuria.
  4. I chroniclers che cercano di recuperare l’antica tecnologia.
  5. I clanners, i nomadi dell’ambientazione
  6. Gli Hellvetics, un clan militare che controlla i passi delle Alpi.
  7. I jehammedans, un clan religioso che cerca una vita semplice e modesta.
  8. I giudici che mantengono la legge, sono giudici, giuria e boia citando un vecchio film 🙂
  9. I neo libici, mercanti africani che stanno conquistando il bacino del mediterraneo prima col commercio e poi eventualmente con le armi.
  10. Gli scorgers, casta guerriera africana con un forte codice che li spinge alla battaglia.
  11. Gli scrappers, i rovistatori delle antiche rovine alla ricerca dell’antica tecnologia.
  12. Gli spitalians, medici che oltre a curare cercano i segni delle Mother Spore Field’s1)questa droga proveniente dallo sciame di meteoriti trasforma pian piano le persone in psiconauti, una creatura mutante dotata d’incredibili poteriper estirparli prima che si diffondano.
Leggi anche:  Recensione 13th Age bestiary
exhibition_of_power_by_marko_djurdjevic-d8045ts
Giudici vs spitalians

Il tredicesimo clan sono i pallidi, umani vissuti per 500 anni nelle volte e divenuti oramai qualcos’altro.

L’ambientazione è un miscuglio di vari archetipi del post apocalittico, però il risultato finale è molto affascinante con tocchi interessanti come la visione dell’Africa come potenza coloniale. Il mondo è descritto a grandi linee, con tantissimi spunti di gioco lasciati però alla fantasia del master e come ho detto in passato, questo è un aspetto che prediligo in un’ambientazione. I clan ricordano molto i clan/tribù/ordini dei vari manuali White Wolf come Vampiri che hanno influenzato parecchio gli autori anche nel regolamento. Altro aspetto interessante è la presenza di vari misteri legati al passato: cosa è successo veramente all’arrivo dello sciame di meteore? Chi sono gli Sleepers che hanno nascosto in vari bunker i prodigi dell’antica tecnologia?  Ci sono moltissimi misteri da svelare per cui si può alternare avventure classiche “survival” o investigative ad altre di esplorazione, ricordando per certi aspetti Numenera. 

Le regole (katharsys book)

Il regolamento è molto classico, ricordando per molti aspetti sia Vampiri sia Shadowrun, utilizzando un pool di d6 formato da un attributo+abilità. Ogni 4-5-6 è un successo e il 6 attiva il trigger, il successo straordinario. Ci sono 6 attributi: body, agility, charisma, intellect, psiche e instinct e 36 possibili abilità, 6 per ogni attributo. Per costruire il pg, si sceglie la cultura, il concetto e il clan, si distribuiscono i punti liberi e si sceglie l’equipaggiamento. L’unico aspetto particolare è il concetto, archetipo basato su simil arcani maggiori come eremita, conquistatore, mentore,etc che forniscono bonus quando l’azione è legata a loro. L’avanzamento permette di crescere nei ranghi del clan, fornendo a ogni rango una capacità speciale simile ai talenti di D&D. La struttura dei ranghi è ad albero per cui ci si potrà specializzarsi in varie maniere. Il combattimento è abbastanza classico con iniziativa, attacco, parata e calcolo dei danni e ha una mortalità abbastanza elevata. Utilizzare una griglia per lo scontro è consigliabile ma non obbligatorio. game_of_tarots_by_marko_djurdjevic-d7y0mia

Personalmente la scelta di un regolamento molto classico (avrebbe potuto tranquillamente essere scritto quindici anni fa) mi ha lasciato perplesso.2)non pretendo regole iper-innovative, però se autori veterani come Monte Cook con Numenera e Rein Hagen, l’autore di Vampiri con I Am Zombie hanno incorporato alcune innovazioni dei gdr indie, da un regolamento nuovo mi aspetto altrettanto, sopratutto perché non ha una “tradizione” da difendere come D&D,Vampiri o Cthulhu. Se gioco a D&D mi aspetto classi e livelli perchè è parte integrante dell’esperienza del gioco stessoSe vi piacciono però i regolamenti classici, Degenesis sembra un buon compromesso fra opzioni e giocabilità. La creazione dei pg è abbastanza veloce grazie alla combinazione di cultura, concetto e clan3)il giocatore “giocattoloso” che è in me, si è sbizzarrito nel crearli e mi ha favorevolmente colpito l’avanzamento col sistema a ranghi perché lega la crescita “tecnica” del pg con la sua ascesa nei ranghi del clan. Non posso dare un giudizio di gioco però la mia impressione è di un regolamento con una complessità media, facile da padroneggiare per chi è abituato a sistemi a pool di dadi come Vampiri, Shadowrun o Legend of Five Rings. 

Equipaggiamento, bestiario e capitolo per il master (Katharsys book)

Il resto del manuale ha una sezione molto ampia sull’equipaggiamento, compreso un lungo capitolo dedicato ai veicoli, un bestiario con varie creature, una breve sezione per il master e un’avventura introduttiva.

Leggi anche:  Spellbound Kingdoms (una perla dimenticata)

L’avventura come tutte quelle dei manuali base è senza infamia e senza lode ma è particolarmente curato sui png per cui si può tirarci fuori qualcosa di buono. Il bestiario è molto bello con relativamente pochi mostri molto curati come presentazione e capacità speciali. 

Supporto

Degenesis è un progetto molto ambizioso con numerose uscite già annunciate sia in altri media come per esempio il fumetto sia a livello di espansioni per il gdr. Un mese dopo l’uscita dei manuali base, uscirà infatti una campagna e in seguito altri manuali. Nella sezione download di Degenesis si può trovare oltre alla scheda online, una mappa del mondo da scaricare oltre a un generatore di personaggi, per ora soltanto in tedesco.

Ti è piaciuto l'articolo?
Metti mi piace alla nostra pagina Facebook!

Seguici su Twitter !

Note    [ + ]

1.questa droga proveniente dallo sciame di meteoriti trasforma pian piano le persone in psiconauti, una creatura mutante dotata d’incredibili poteri
2.non pretendo regole iper-innovative, però se autori veterani come Monte Cook con Numenera e Rein Hagen, l’autore di Vampiri con I Am Zombie hanno incorporato alcune innovazioni dei gdr indie, da un regolamento nuovo mi aspetto altrettanto, sopratutto perché non ha una “tradizione” da difendere come D&D,Vampiri o Cthulhu. Se gioco a D&D mi aspetto classi e livelli perchè è parte integrante dell’esperienza del gioco stesso
3.il giocatore “giocattoloso” che è in me, si è sbizzarrito nel crearli

Che cosa ne pensi?