3
Recensioni

Anteprima Hawat: Avatar’s rage

Sono stato contattato da Andrea Carbone per leggere e testare Hawat, Avatar’s Rage, il suo gdr che uscirà a Modena Play. Hawat è un gdr post apocalittico in cui la guerra ha visto utilizzare per lo più armi biochimiche. Come risultato sono nati i parassiti, esseri che assimilano le altre creature trasformandole in mostruose aberrazioni. Per combatterle, l’Hawat, una misteriosa multinazionale ha creato gli Avatar, creature che mischiano il dna umano con quello animale. Questi Avatar vengono guidati a distanza da piloti umani tramite una connessione neurale.

Il playtest è durato un paio di sessioni per cui non posso valutare determinati aspetti come il bilanciamento. Ci sono comunque alcune conclusioni che posso dare dalle partite e dalla lettura del file di playtest.

 3L’ambientazione

Di base si giocano i piloti dell’Hawat. Ci sono anche regole per giocare i ribelli oppure i razziatori, i classici punk del post apocalisse stile Mad Max. Ci sono inoltre svariate sette, fazioni, etc tipiche del genere. Nel manuale ci sono anche una sezione di spunti d’avventure.

Personalmente ritengo l’Hawat, la fazione più interessante perché c’è una forte ambiguità sui loro reali obiettivi. Chi ha visto Evangelion noterà una certa somiglianza con la Nerv. Questa fazione garantisce al gioco una maggiore profondità rispetto al classico ammazza il mostro della settimana, fornendo spunti d’avventura più politici e investigativi. Se invece si vuole un gioco più classico, più in bianco e nero, si possono scegliere i ribelli come fazione per i giocatori. 

Le regole

Quando si vuole fare un azione si tira 1d6 +d6 extra per ogni abilità o tratto legato all’azione. Si possono inoltre aggiungere dadi extra per la descrizione o l’utilizzo dell’ambiente. Si tiene poi il dado più alto e in base ad essa ci saranno differenti gradi di successo. In combattimento si aggiungerà il risultato del dado al punteggio di attacco o difesa. Se uno dei dadi è un 6 è un critico: nei check abilità indicherà un risultato particolarmente positivo mentre in combattimento fornirà un +2 ulteriore con un +1 per ogni 6 dopo il primo. Ci sono inoltre abilità avanzate che forniscono o equipaggiamento extra o capacità speciali.

Hawat ha una complessità molto bassa e chi è abituato a regolamenti più complessi, potrebbe non gradirlo. Non è certamente il punto di forza del gioco. Nel playtest alcune abilità avanzate erano, secondo me, sbilanciate. L’autore le ha corrette in base ai suggerimenti miei e del resto del gruppo. Non posso giudicare se con le nuove modifiche sia bilanciato ma vista l’alta mortalità del gioco e il fatto di essere un gioco che funziona bene su campagne brevi non lo vedo come un problema importante a differenza di un D&D in cui sbagliare build ha effetti deleteri. 

La connessione neurale e l’overcharge

Questa è la parte fondamentale di Hawat, quella che lo rende unico come gdr post apocalittico. La connessione neurale fra la parte bestiale dell’avatar e la mente del pilota è difficoltosa e per simularla c’è il valore di OST che indica quante cariche overdrive ha accumulato l’avatar. Si devono spendere cariche overdrive per usare i poteri dell’avatar o per potenziare temporaneamente le sue caratteristiche. Inoltre si possono accumulare cariche quando si tira un critico sull’attacco e anche i parassiti possono farti accumulare ulteriori cariche. Quando si raggiunge un certo valore, si entra in overcharge, uno stato in cui la sincronizzazione fra pilota e avatar è al massimo fornendo bonus molto forti. Lo stadio successivo è l’hyperdrive che in pratica è questo

L’avatar va in berserk mode stile Evangelion raggiungendo una potenza incredibilmente elevata ma totalmente fuori controllo. Arrivato poi a un certo valore di overdrive l’avatar va in burnout, In pratica si spezza la connessione fra pilota ed avatar. Se si va in burnout oppure se muore l’avatar, l’improvviso stacco della connessione fra pilota ed avatar può portare a varie conseguenze sopratutto psicologiche. In entrambi casi il pilota potrà comunque continuare a giocare con un nuovo avatar.

Nonostante il mio personaggio sia morto male 🙁 ho trovato il sistema di combattimento veramente divertente e molto adrenalinico.

 3La parte interessante è che non tutti i modi per accumulare overdrive sono nelle mani del giocatore. Alcuni sono casuali o derivati dalle abilità dei parassiti per cui non hai un controllo totale. Potresti fare calcoli per raggiungere un certo valore e poi accumulare cariche a causa di due critici di seguito ed andare in hyperdrive.1)per fare un critico basta fare un 6 e quando si tirano 4 o 5 dadi è estremamente facileInoltre i parassiti sono più forti in media degli avatar per cui utilizzare le cariche overdrive diventa spesso indispensabile. Con due attacchi un parassita può tranquillamente abbattere un avatar. Prendo come esempio il mio avatar che aveva 27 punti vita: l’attacco che mi ha mandato a tappeto ha fatto 18 danni ed essendo il mio personaggio già ferito lo ha portato sottozero.

Evangelion è certamente una delle fonti d’ispirazione di Hawat e con poche modifiche si potrebbe utilizzare questo gioco per giocarci una campagna.

Il burn out è carino perché permette al master di picchiare duro con i personaggi, uccidendo i loro avatar permettendo però ai loro giocatori di continuare a giocare senza perdere il personaggio. In pratica è l’equivalente del punto fortuna con riaddestramento del personaggio giustificato però in gioco senza dover utilizzare meccaniche in metagioco.

I parassiti

I parassiti si creano da una base fissa in base al livello di potenza a cui si aggiungono i poteri. Ci sono vari tipi di poteri dalle spine ad attacchi a base d’acido,etc. A livello descrittivo ricordano molto le creature dei film di Carpenter come la Cosa.

Carpenter non è molto utilizzato nei giochi di ruolo. Magari esistono singoli mostri basati su quell’estetica ma sono sempre eccezioni, perciò mi ha fatto molto piacere questa scelta.

Conclusioni

Anteprima Hawat: Avatar's rageHo un opinione positiva di Hawat che ho trovato fresco e interessante. Mentre per le regole extra combattimento ho vari dubbi anche se comunque scorrono, ho apprezzato invece molto il combattimento. L’overdrive rende lo scontro molto viscerale con un escalation estremamente rapida.2)Consiglio di valutare la regola opzionale che porta l’OST di base a 15 perchè fornisce, secondo me, un maggiore spazio per i giocatori per gestire l’overdrive

Per maggiori informazioni potete andare sulla pagina del loro editore

Ti è piaciuto l'articolo?
Metti mi piace alla nostra pagina!

Seguici su Twitter !

Note    [ + ]

1.per fare un critico basta fare un 6 e quando si tirano 4 o 5 dadi è estremamente facile
2.Consiglio di valutare la regola opzionale che porta l’OST di base a 15 perchè fornisce, secondo me, un maggiore spazio per i giocatori per gestire l’overdrive