I mille volti del png 5

Ho notato che la caratterizzazione dei png è uno degli aspetti più soggettivi del gdr: mentre nel combattimento, ci sono “principi” più o meno condivisibili, ogni master ha una visione molto differente sui png. Infatti, quando assisto a una sessione di un altro master, è la prima cosa che osservo perché dice moltissimo sul suo stile di gioco. Non è facile perciò scrivere sull’argomento: considerate questo articolo una condivisione d’idee.1)tutti i miei articoli lo sono ma questo lo è particolarmente

Un particolare tipo di png è la “comparsa” come la guardia cittadina o l’oste. Nel cinema di genere tendono a essere molto stereotipati con peculiarità anche “eccessive” come per esempio “profeta” il simpatico vecchietto di “per qualche dollaro in più”.

Spesso ci dimentichiamo un limite intrinseco del gdr cartaceo: il master interpreta in una singola sessione svariati png con lo svantaggio che non può cambiarsi d’abito o alterare l’aspetto fisico o la voce, per cui o sei lui

I mille volti di un png 3

oppure luii mille volti del png 3

o altrimenti converrà accentuare ed esagerare alcuni tratti, inserendo delle peculiarità per renderli più “memorabili”. Per quanto dispiaccia ammetterlo, i sottili dettagli nell’interpretazione difficilmente saranno notati dai giocatori. Questo, tra l’altro succede anche nella vita quotidiana: se proviamo a visualizzare mentalmente un personaggio famoso o l’edicolante sotto casa, ci verranno in mente due o tre tratti fisici e comportamentali  che lo caratterizzano, più che la personalità nel complesso.

Utilizzando la tecnica del png in tre tratti ripreso da Sulle Tracce di Cthulhu ogni png avrà:

  1. Una particolare gestualità fisica o tic verbale
  2. Un tratto che lo descriva caratterialmente: ciò che appare all’esterno.
  3. Una peculiarità fisica.

Questi tre tratti devono essere giocabili; se il png ha la passione per il gioco d’azzardo, questo dovrà venire fuori, in un modo o nell’altro, quando c’interagiamo. Dobbiamo ricordarci, infatti, un aspetto essenziale del gdr; tutto ciò che è realmente importante, è quello che accade durante il gioco. Sembra lapalissiano ma spesso lo dimentichiamo: è inutile avere background di dieci pagine se non c’è la possibilità effettiva di usarli. Facciamo un esempio costruendo un png con tratti casuali utilizzando una tabella che ho costruito, prendendo idee da vari blog o forum.

PNG 1

Tratto fisico: 39 occhi neri ed intensi

Carattere: 48 rude

Peculiarità: 54 Controlla spesso una tasca come se volesse essere sicuro di non aver perso niente

Di solito ne creo un Tot prima della sessione, senza associarli un ruolo come mercante, guardia, etc poiché preferisco sceglierlo sul momento.

I mille volti di un png 4

Decidiamo di utilizzarlo come guardia cittadina, aggiungendoci una motivazione che mi permetterà insieme ai tiri reazione, di avere un idea chiara su come gestirlo.

La motivazione sarà: non voglio problemi in città (un buon consiglio da Apocalypse World è dare ai png scopi semplici e diretti: abbiamo tutto il tempo di approfondire in seguito).

Il risultato è un png abbastanza stereotipato, il ché va bene poiché i giocatori c’interagiranno probabilmente pochi minuti se non meno. Potrei fare anche l’inverso e associarlo a un ruolo che c’entra poco con la descrizione per creare un contrasto a livello d’interpretazione.

Approfondire il png

Molte volte la comparsa che avrebbe dovuto apparire per poche scene, invece diventa importante perché ha avuto “successo”con i giocatori o perché il gioco lo mette in una posizione differente rispetto a quello preventivato.

I mille volti di un png 5
Felicity Smoak è un esempio di “comparsa” che grazie al gradimento del pubblico, è stata elevata a personaggio “permanente” di Arrow

Inserirò perciò altri tre tratti, aggiungendo un ulteriore strato al png come se fosse una “cipolla”.

  • Un secondo tratto caratteriale “nascosto” che costituisce la reale natura del png e che dovrà essere, per certi aspetti in contrapposizione al tratto “esterno” fornendo “tridimensionalità” al png poichè generano un conflitto.2)chi ha giocato a Vampiri noterà la somiglianza con il carattere e la natura: utilizzo, infatti, una variante per Cyberpunk chiamate exmode e inmode. Trovo carattere e natura inadatti alla gestione di PG, ma sono, secondo me, eccellenti per i png
  • Un legame con un altro png: ottimo se si utilizzano le mappe delle relazioni ed è un metodo molto semplice per crearla pian piano, invece che tutta insieme.
  • Un segreto. Non deve essere per forza qualcosa di importante o legato alla trama principale: potrebbe aver semplicemente derubato il principale. Inserire dei segreti premierà i giocatori che interagiscono con i png, fornendoli informazioni utili su una quest minore oppure favori successivi: un PG potrebbe utilizzare il segreto della guardia per entrare in un luogo cui normalmente non potrebbe accedere o addirittura essere la base di una nuova mini avventura.

Prendiamo la guardia di prima e come secondo tratto caratteriale scelgo pio. Questo tratto non sarà “immediato” ma posso fornire alcuni indizi a livello d’interpretazione per aiutare i pg a scoprirlo: porta un simbolo sacro addosso e questo tornerebbe bene con la sua peculiarità oppure fa l’equivalente di un segno della croce di fronte a un tempio o tratta favorevolmente chierici e paladini. I PG potranno scoprirlo tramite osservazione, gioco di ruolo, utilizzi di un’abilità, etc. Come legame, inserisco una forte amicizia con il locale sacerdote, mentre come segreto, una relazione extraconiugale con il capitano/a delle guardie.

I mille volti di un png 2

Guardia

Motivazione: non voglio problemi in città, nascondere la sua relazione extraconiugale (utilizzando i tratti aggiuntivi ho potuto inserire una nuova motivazione in contrasto con quello precedente)

Tratto caratteriale primario (exmode): rude

Tratto caratteriale secondario, la sua vera natura (inmode): pio

Peculiarità fisica: occhi neri ed intensi

Peculiarità d’interpretazione: Controlla spesso una tasca come se volesse essere sicuro di non aver perso niente

Legame con un altro png: amicizia con il sacerdote locale.

Segreto: relazione extraconiugale con il capitano/a.

Aggiungendo perciò questi tre nuovi tratti ho preso un png “stereotipato”, rendendolo più “sfaccettato”, fornendoli inoltre un legame con un altro png e nuovi spunti d’avventura. Per esempio che cosa accadrebbe se qualcuno scoprisse la relazione segreta? Va notato che questi tre tratti hanno in comune che “parlano” dei “qui ed ora” del png: tutto ciò che ho aggiunto è “giocabile” dai pg.

Altri strati di cipolla

Nel tempo si potrà svilupparlo ulteriormente inserendo altri tratti o legami, aggiungendo così nuovi strati di “cipolla”: la differenza con un png principale come l’antagonista è che ho creato il background per ultimo, quando mi serviva, utilizzando i vari imput forniti dalle sessioni e dall’interazione con i pg o altri png.

Quali metodi utilizzate per creare le comparse? Quali “trucchi” del mestiere o suggerimenti avete? Scriveteli nei commenti e se non l’avete ancora fatto, iscrivetevi gratuitamente al blog per ricevere i miei articoli oppure diventate fan della mia pagina Facebook

Ti è piaciuto l'articolo?
Metti mi piace alla nostra pagina!

Seguici su Twitter !

Note    [ + ]

1.tutti i miei articoli lo sono ma questo lo è particolarmente
2.chi ha giocato a Vampiri noterà la somiglianza con il carattere e la natura: utilizzo, infatti, una variante per Cyberpunk chiamate exmode e inmode. Trovo carattere e natura inadatti alla gestione di PG, ma sono, secondo me, eccellenti per i png

3 comments on “I mille volti di un png

  1. Una Tabella fatta davvero bene!
    non vedo l’ora di provarla, mi metto subito all’opera per migliorare alcuni png già accennati, e di crearne di nuovi!

    1. Grazie per i complimenti. Se hai idee su come migliorarla fammelo sapere così come mi piacerebbe vedere che tipo di png ti viene fuori.

Comments are closed.