Lo Zen e l'arte giapponese di tirare i dadi
Action, Combattimento, Consigli, House Rules

Lo Zen e l’arte giapponese di tirare i dadi

Come ogni manga va letto da destra a sinistra.v004

è un incidente che capita spesso: in piena ispirazione si descrive un azione fighissima e spettacolare e quei fottuti figli di putt…. i dadi ti tradiscono o comunque il tiro di dado non coincide quasi mai con la descrizione, creando situazioni imbarazzanti e spezzando spesso la sospensione dell’incredulità. Una soluzione semplice e molto zen, utilizzato dai gdr cartacei giapponesi1)I gdr cartacei giapponesi sono poco conosciuti in italia e solo recentemente hanno cominciato a essere tradotti in inglese ma hanno delle idee veramente innovative, spesso in anticipo rispetto ai loro equivalenti americani e da alcuni gdr indie è quella di dichiarare soltanto le linee generali, per esempio attacco, tirare i dadi e dopo descrivere l’azione. Hai fatto un 20? Puoi sbizzarrirti nella descrizione e fare il “figo”. Hai tirato un 2? Rapido e passa la palla all’altro giocatore 🙂

L’immagine sopra è tratta da Quickstart, un manga che ha come protagoniste un gruppo di giocatrici

Ti è piaciuto l'articolo?
Metti mi piace alla nostra pagina!

Seguici su Twitter !

Note    [ + ]

1.I gdr cartacei giapponesi sono poco conosciuti in italia e solo recentemente hanno cominciato a essere tradotti in inglese ma hanno delle idee veramente innovative, spesso in anticipo rispetto ai loro equivalenti americani

3 comments on “Lo Zen e l’arte giapponese di tirare i dadi

  1. Ecco questa arcogimento già lousiamo d anni nei nostri gruppi di gioco e non ci voleva apposta un gdr giapponese ha dirci come fare(è solo buon senso almeno eh molti giocatori americani e italiani ne siano sprovvisti….)

    1. come ho risposto sulla pagina facebook, sono accorgimenti che nei manuali “occidentali” non ti spiegano e ci devi arrivare per esperienza e buon senso mentre qui ti viene spiegato direttamente. Ti darei ragione se questi “consigli” scontati si trovassero nei manuali di gdr mentre per ora il massimo che abbiamo è il generatore di dungeon casuali della DMG della 5ed che nessuno userà mai realmente perchè con una veloce ricerca su u motore di ricerca se ne trovano decine gratuiti e sopratutto automatici che fanno la stessa cosa nel giro di pochi secondi.

      1. Ecco tanti manuali base di tanti giochi hanno parti di regolamento che nessuno usa per svariati motivi(come perché vuoi perché inutili,vuoi perché scritte male e capite peggio,ecc) ma il bello che tale “arcortezza” che parliamo oggi non sta scritta da nessuna parte(in modo esplicito) anche fra le guide sparse nei blog/forum per giocare meglio ha D&D è compagnia bella…..Poi se hai letto il gdr Dungeon world togliendo le parti veramente meccaniche il resto sono consigli di narrazione in cui alcuni ovvi per chi ha un po’ di esperienza e cervello ma per il dindiaro medio(si quello non ha mai provato altri gdr e se la fatto li ha anche capiti male) gli si apre un mondo d’avanti……

Comments are closed.